Crea sito

I Vampiri dell’Europa dell’est

Ciao a tutti, oggi torniamo nel mondo dei vampiri, con quelli più noti e famosi al grande pubblico i vampiri dell’Europa dell’est.

I Vampiri dell’Europa dell'est

Dall’Europa dell’est provenivano la parola serba e bulgara vampir , il rumeno  (di derivazione greca).

La forma serba della parola per vampiro, o revenant, ha molti paralleli tra le lingue slave. In Bulgaria c’è il vampiro , in Croazia l’ upir e il lupurine , e in ceco e slovacco l’ upir , mentre gli olandesi usano il vampiro . In Polonia c’è il wamprior , o upior , o wopierz . Nello slavo orientale c’è il superiore , l’ucraino upear e i russi e bielorussi hanno upyr . Tra i serbi, i montenegrini e gli albanesi c’era la credenza nel vampiro.

Teoricamente la parola usata dagli slavi è stata presa in prestito dal turco per strega . Ad esempio, il termine tartaro ubyr che in origine riflette un culto pagano di una volta di upyr . L’antico russo menziona per la prima volta la parola upir intorno al 1047 d.C. e in origine significa “vampiro malvagio” . I popoli della Transilvania credevano che tutti quelli uccisi dai nos feratu o vampiri diventassero vampiri.

I Vampiri dell’Europa dell'est

Vampiri Slavi

Nelle credenze slave, le cause del vampirismo includevano la nascita con calotta, denti o coda, il concepimento in determinati giorni, la morte “irregolare”, la scomunica e rituali di sepoltura impropri. Le misure preventive includevano la collocazione di un filecrocifisso nella bara, posizionando blocchi sotto il mento per evitare che il corpo mangi il sudario, inchiodando vestiti alle pareti della bara per lo stesso motivo, mettendo segatura nella bara (il vampiro si sveglia la sera e deve contare ogni granello di segatura, che prende tutta la sera, quindi morirà all’alba) o trafiggendo il corpo con spine o paletti. Nel caso dei paletti, l’idea generale era di perforare il vampiro e nel terreno sottostante, bloccando il corpo. Alcune persone avrebbero seppellito quelli ritenuti potenziali vampiri con le falci sopra il collo, in modo che i morti si decapitassero mentre si alzavano.

Come individuare un Vampiro

Le prove che un vampiro era al lavoro nel quartiere includevano la morte di bovini, pecore, parenti o vicini, un corpo riesumato in uno stato realistico con una nuova crescita delle unghie o dei capelli, un corpo gonfio come un tamburo o sangue addosso. la bocca accoppiata con una carnagione rossastra.

Come combattere un Vampiro

I vampiri, come altri mostri leggendari slavi, avevano paura dell’aglio e amavano contare grano, segatura, ecc. I vampiri potevano essere distrutti picchettando, decapitando (i Kashub mettevano la testa tra i piedi), bruciando, ripetendo il servizio funebre, spruzzando acqua santa sul corpo o esorcismo.

Vampiri slavi - Sava Savanovic

Il vampiro serbo più famoso era Sava Savanovic, famoso da un romanzo ispirato al folklore di Milovan Glišić.

Nell’opera anti- pagana della Russia antica Parola di San Grigoriy (scritta nell’XI-XII secolo), si afferma che i russi politeisti facevano sacrifici ai vampiri.

Vampiri Rumeni

 La Romania è circondata da paesi slavi, quindi non sorprende che i vampiri rumeni e slavi siano simili. I vampiri rumeni sono chiamati Strigoi, sulla base dell’antico termine greco strix per civetta, che significa anche demone o strega.

Esistono diversi tipi di Strigoi . Gli Strigoi vii sono streghe vive che diventeranno vampiri dopo la morte. Possono inviare le loro anime di notte per incontrare altre streghe o con Strigoi i , che sono corpi rianimati che tornano per succhiare il sangue della famiglia, del bestiame e dei vicini. Altri tipi di vampiri nel folclore rumeno includono Moroi e Pricolici.

Come nasce un Vampiro

Una persona nata troppo presto, un gatto nero ha attraversato il percorso della madre, nata con una coda, nata fuori dal matrimonio, una persona morta di morte innaturale o morta prima del battesimo, era destinata a diventare un vampiro, come lo era il settimo figlio dello stesso sesso in una famiglia, il figlio di una donna incinta che non mangiava sale o che era guardata da un vampiro o da una strega. Inoltre, essere morsi da un vampiro significava una condanna certa a un’esistenza vampirica dopo la morte.

Come riconoscere un Vampiro

Il vampiro di solito veniva notato per la prima volta quando attaccava la famiglia e il bestiame o lanciava oggetti in casa. Si credeva che i vampiri, insieme alle streghe, fossero più attivi alla vigilia del giorno di San Giorgio ( 22 aprile giuliano, 4 maggio calendario gregoriano), la notte in cui si supponeva che tutte le forme di male fossero all’estero. Il giorno di San Giorgio è ancora celebrato in Europa .

Un vampiro nella tomba poteva essere individuato da buchi nel terreno, un cadavere non decomposto con una faccia rossa o con un piede nell’angolo della bara. I vampiri vivi sono stati identificati distribuendo aglio in chiesa e vedendo chi non lo mangiava.

Come combattere un vampiro

Le tombe venivano spesso aperte tre anni dopo la morte di un bambino, cinque anni dopo la morte di un giovane o sette anni dopo la morte di un adulto per verificare la presenza di vampirismo.

Le misure per impedire a una persona di diventare un vampiro includevano la rimozione della calza da un neonato e la sua distruzione prima che il bambino potesse mangiarne uno qualsiasi, un’attenta preparazione dei cadaveri, inclusa la prevenzione del passaggio degli animali sul cadavere, il posizionamento di un ramo spinoso di rosa selvatica nella tomba, e mettendo l’aglio alle finestre e strofinandolo sul bestiame, specialmente il giorno di San Giorgio e Sant’Andrea.

Per distruggere un vampiro, un paletto è stato piantato attraverso il corpo, seguito dalla decapitazione e dall’aglio in bocca. Entro il diciannovesimo secolo, si sparava anche un proiettile attraverso la bara. Per i casi resistenti, il corpo veniva smembrato ei pezzi bruciati, mescolati con acqua e dati ai familiari come cura.

Credenze sui vampiri Rom

Ancora oggi, i Rom sono spesso presenti nella narrativa e nei film sui vampiri, senza dubbio influenzati dal libro di Bram Stoker, Dracula , in cui lo Szgan serviva Dracula, trasportando le sue scatole di terra e facendogli la guardia.

Le credenze rom tradizionali includono l’idea che l’anima morta entri in un mondo simile al nostro tranne che non c’è morte. L’anima rimane intorno al corpo e talvolta vuole tornare indietro. Le leggende rom dei morti viventi hanno aggiunto e arricchito le leggende sui vampiri dell’Ungheria, della Romania e delle terre slave.

Vampiri Rom

Una forma di vampiro nel folklore è chiamata mullo (colui che è morto). Si ritiene che questo vampiro ritorni e faccia cose dannose e / o succhi il sangue di una persona (di solito un parente che aveva causato la sua morte, o non aveva osservato correttamente le cerimonie funerarie, o che ha conservato i beni del defunto invece di distruggerli come era corretto).

Si credeva che chiunque avesse un aspetto orribile, mancasse un dito o avesse appendici simili a quelle di un animale, ecc., Fosse un vampiro. Se una persona morisse invisibile, diventerebbe un vampiro; allo stesso modo se un cadavere si è gonfiato prima della sepoltura. Piante o cani, gatti o persino attrezzi agricoli potrebbero diventare vampiri. Zucche o meloni tenuti in casa troppo a lungo inizierebbero a muoversi, fare rumore o mostrare sangue. 

Come eliminare un Vampiro

Per sbarazzarsi di un vampiro, le persone assumevano un Dhampir (il figlio di un vampiro e la sua vedova) o un Moroi per rilevare il vampiro. Per allontanare i vampiri, gli zingari hanno conficcato aghi di acciaio o di ferro nel cuore di un cadavere e hanno posto pezzi di acciaio in bocca, sopra gli occhi, le orecchie e tra le dita al momento della sepoltura. Hanno anche messo il biancospino nel calzino del cadavere o hanno infilato un paletto di biancospino tra le gambe. Ulteriori misure includevano piantare pali nella tomba, versarvi sopra acqua bollente, decapitare il cadavere o bruciarlo.

Secondo il defunto etnologo serbo Tatomir Vukanović, i Rom in Kosovo credevano che i vampiri fossero invisibili alla maggior parte delle persone. Tuttavia, potrebbero essere visti da un fratello gemello e una sorella nati di sabato che indossano mutande e camicie al rovescio. Allo stesso modo, un insediamento potrebbe essere protetto da un vampiro, trovando un fratello gemello e una sorella nati di sabato e facendoli indossare le camicie e i cassetti al rovescio.

Questa coppia poteva vedere il vampiro fuori di casa di notte, ma subito dopo averli visti avrebbe dovuto fuggire.

Alcuni tratti comuni dei vampiri nel folklore dell’Europa dell’est

È difficile fare una descrizione unificata del vampiro folcloristico, perché le sue proprietà variano ampiamente tra le diverse culture.

  • L’ aspetto del vampiro folcloristico europeo conteneva per lo più caratteristiche con cui si doveva distinguere un cadavere vampirico da uno normale, quando veniva aperta la tomba di un sospetto vampiro. Il vampiro ha un aspetto “sano” e la pelle rossastra, è spesso paffuto, le unghie e i capelli sono cresciuti e, soprattutto, non è minimamente decomposto.
  • I modi più comuni per distruggere il vampiro sono guidare un paletto di legno attraverso il cuore, decapitare e incenerire completamente il corpo. I modi per impedire a un sospetto vampiro di risorgere dalla tomba in primo luogo includono seppellirlo a testa in giù, recidere i tendini alle ginocchia o posizionare semi di papavero sul terreno presso la tomba di un presunto vampiro per tenerlo occupato tutta la notte a contare.
  • Apotropaici, cioè oggetti destinati a inibire o allontanare i vampiri (così come altre creature soprannaturali malvagie), includono l’ aglio, un ramo di rosa selvatica, la pianta di biancospino e tutte le cose sacre (ad esempio, l’acqua santa , un crocifisso, un rosario, una stella di David)
  • I vampiri a volte sono considerati mutaforma non limitati al comune stereotipo del pipistrello  Piuttosto, sono disponibili una moltitudine di animali come lupi e ragni e molti altri.
  • Si dice che i vampiri nel folklore dell’Europa dell’est non proiettino ombre e non abbiano riflesso. Questo potrebbe essere legato al folklore riguardante la mancanza di anima del vampiro.
  • Alcune tradizioni sostengono che un vampiro non può entrare in una casa a meno che non sia invitato.
  • Non possono entrare in una chiesa o in un luogo sacro. 

Spero vci sia piaciuto questo viaggio nel folclore dell’Europa dell’est

Fatemi sapere cosa ne pensate qui sotto o sulla mia pagina facebook.

Fatemi sapere cosa ne pensate qui sotto o sulla mia pagina facebook.

Gli articoli precedenti sui Vampiri:

Mi trovate anche su twitter e su instagram.

E sul mio primo blog: Non solo Cosmetici

Alla prossima  🖖

Pubblicato da nonsolomanga

Sono Claudia, sono una lettrice accanita sin dalla tenera età. Con il tempo ho ampliato l'amore per i libri a quello per i manga nonché anime. Ma sono anche una grande appassionata di film e telefilm e collezionista.

6 Risposte a “I Vampiri dell’Europa dell’est”

  1. Sempre curiosa del “mito” del vampirismo e dei vampiri, avevo leggiucchiato qualcosa di qua e di là, ma niente di così approfondito e ben organizzato come questo articolo. Complimenti, molto interessante!

  2. Beh qui con me hai fatto goal a porta vuota! Il mondo dei vampiri è da sempre la mia grande passione. Credo di aver visto tutti i film possibili sull’argomento e letto tutto il leggibile. Devo dire che leggere il tuo articolo però è stato non solo interessante ma soprattutto hai evidenziato aspetti e caratteristiche del mondo dei vampiri che, nonostante possa dire di conoscere già, mi hanno rapita. Sono diventata la tua fan numero 1!!!

  3. Questo è un mondo che mi ha sempre affascinato in quanto ho visto tantissimi film sul mondo vampiresco e letto altrettanti libri. Nel tuo articolo, l’argomento viene descritto in modo molto dettagliato e sono stata incollata allo schermo dal inizio alla fine.

  4. Ecco come vediamo nell’elenco non appaiono vampiri che brillano al sole, l’unico che può apparire di giorno è Blade. Complimenti per l’articolo e per la nuova rubrica, vedo sta prendendo forma, con curiosità interessanti, qualcuno chiami Van Helsing sento odore di strigoi, un ottimo articolo approfondito ben fatto.

  5. Mi piace la tradizione vampiresca e credo che il folklore dei paesi dell’est Europa ci abbia regalato tra le più belle leggende ed ispirazioni!

  6. Sono un amante di tutto ciò che riguarda i vampiri, mi poace molto seguire il genere soprattutto in tv. Devo ammettere però che non ero a conoscenza di tutti questi dettagli che hai elencato e mi hanno incuriosita molto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *