Crea sito

Parliamo di Aquaman (Recensione film)

Ciao a tutti.

Oggi torno a scrivere con un tipo di recensione per me nuova, quella di un film. Era da tanto che non andavo al cinema e ho deciso di tornarci con un genere che mi appassiona un cinecomic DC firmato James Wan ovvero: Aquaman

Aquaman

Trama Aquaman

Metà umano, metà Atlantideo, l’Arthur Curry dell’universo esteso DC deve vivere in Aquaman una imponente avventura che lo porta in giro per il mondo, ma lo costringe anche ad affrontare chi sia realmente. Un viaggio che muove i suoi primi passi nel 1985 in Maine, dal rinvenimento da parte del guardiano del faro Thomas Curry di Atlanna, principessa di Atlantide di cui si innamora. Dai due nascerà il piccolo Arthur, che la madre sarà costretta ad abbandonare in tenera età per far ritorno alla sua patria sottomarina.

Addestrato dal Nuidis Vulko, Arthur diventa un abile guerriero, ma viene rifiutato da Atlantide per essere un mezzosangue, è così che lo ritroviamo nel presente, un anno dopo le vicende di Justice League, quando dovrà fare i conti col suo passato, tornare alla sua patria e, aiutato da Mera, affrontare le cospirazioni del fratellastro Ocean Master e Black Manta per determinare il destino di Atlantide e del mondo intero.

Cast & Regia

Aquaman

La produzione e distribuzione sono di Warner, che ha affidato la regia di Aquaman a James Wan. Che probabilmente conoscete per aver diretto tutta una serie di film horror come:Saw, Insidious 1 e 2 e The Conjuring 1 e 2, che io ho amato tantrissimo. La sceneggiatura é stata invece affidata a Will Beall, David Leslie Johnson-McGoldrick che ha firmato anche le sceneggiature di Orphan, Cappuccetto Rosso Sangue (il primo l’ho gradito il secondo… diciamo un pò meno), qualche episodio di The Walking Dead e La Furia dei Titani. Un connubio perfetto per chi apprezza i loro lavori. 

Aquaman

Nel cast troviamo Jason Momoa nei panni di Aquaman, che molti di noi conoscono per Il Trono di Spade e altri per Frontiera. Conan Il BarbaroA fianco a Momoa ci sono Nicole Kidman che interpreta Atlanna, la madre di Arthur, Amber Heard nei panni della Principessa Mera, Willem Dafoe nel ruolo di Vulko, Patrick Wilson è il fratellastro di Arthur, Re Orm e Dolph Lundgren è Re Nereus.

Arthur, Mera e gli altri personaggi: il cast di Aquaman

Aquaman

Pur diverso dall’immagine più consolidata e nota dell’eroe dei fumetti DC Comics, l’Aquaman di Jason Momoa ci aveva già colpiti nella sua breve apparizione nel precedente film dell’universo esteso con la prorompente fisicità, il carisma e la dose di ironia che sapeva donare al personaggio. Sensazioni confermate dal primo film a lui dedicato, completa il tutto folta schiera di personaggi comprimari. In prima fila c’è la Mera, la regina di Atlantide , capace di trovare la giusta sintonia con il protagonista, così come il Vulko e l’Ocean Master . È però doveroso citare la prova di Nicole Kidman nel dar volto e appeal ad Atlanna, madre di Arthur/Aquaman, pur nel poco spazio a sua disposizione. Tutto il cast di Aquaman risente però dello stesso problema: in un film che sceglie di offrire tanto allo spettatore, in termini di varietà e ricchezza di situazioni, c’è poco spazio per scavare in profondità e presentare in modo adeguato personaggi e relative motivazioni.

Dal deserto alle profondità marine, il vasto mondo di Aquaman

Aquaman

La stessa mancanza di approfondimento è relativa alle ambientazioni e i diversi popoli che le abitano, perché è pur vero che la ricostruzione visiva è meticolosa e d’impatto, ma si esce dalla visione di Aquaman senza che si abbia un’idea chiara di tutti i luoghi che vengono presentati e che fungono da tappe del frenetico, e confuso, percorso dei protagonisti: da Atlantide al deserto del Sahara, passando per la Sicilia, l’impalcatura scenografica e visiva del film è sicuramente ricca e varia, ma forse un pò schizofrenica nella resa visiva, passando dai toni tendenti al blu del fondo marino a quelli caldi del deserto sabbioso e il variopinto pesino siciliano. Una mancanza di continuità che emerge ancora di più in quanto riflesso del poco equilibrio che ha il film nel decidere chi è e vuole essere, alternando toni da dramma epico a situazioni da commedia e un’abbondante dose da film d’avventura alla Indiana Jones.

COSTUMI e MAKE-UP

Aquaman

Il look scelto per il villain Black Manta, dal cartaceo al tridimensionale risulta un po’ ridicolo facendolo sembrare la parodia di un Power Rangers.

Il make up

Anche il make up dei ruoli femminili, che entrano ed escono dall’acqua è un po’ forzato. Capisco la finzione scenica, ma le polveri come gli ombretti, per non parlare dei mascara, sono troppo visibili. Tutto sembra meno che quei volti erano immersi nell’acqua fino a un attimo prima.

Aquaman

Inoltre Amber Heard è vestita come una bambolona sexy, più pronta per sfilare sul tappeto rosso all’anteprima del film che per nuotare nelle acque marine. Tutti quelli che possono sembrare dettagli fanno un’enorme differenza trasformando un film che dovrebbe essere d’alto livello in una sorta di  fan movie che si adegua a un budget infinitamente inferiore rispetto a quello che hanno a disposizione.

Aquaman

Tutto questo si unisce anche ad una CGI che lascia davvero molte perplessità a livello di resa, soprattutto per quanto riguarda i volti dei personaggi che sembrano essere stati attaccati ai corpi sott’acqua, per non parlare delle scene d’azione, in cui alcuni dei protagonisti vengono interamente ricostruiti in digitale ed è spaventosamente visibile.

ATTENZIONE SPOILER

LA TRAMA NON É DELLE MIGLIORI.

LE SCENE TRASH.

Per quanto riguarda la trama sembra un collage di film e serie tv anni ’90. Ma vediamolo un po’ per volta. L’inizio del film con la storia di Atlanna (la mamma di Aquaman) sembra il film Una Sirena a Manhattan, sia come atmosfera che come avvenimenti, ma era più credibile perchè Madison (una sirena) non parlava la stessa lingua di Tom Hanks e anzi ci mette del tempo ad impararla, inoltre parla una sua lingua che suona come il linguaggio dei delfini. Fantasy, d’accordo, ma almeno un po’ di fantasia.

Qui invece Atlanna non ha nessun ostacolo linguistico e parla perfettamente la lingua del luogo. stesso idioma.

ATLANNA E IL SUO STRANO PANCIONE.

In questa parte del film Atlanna è incinta e Nicole Kidman indossa una pancia finta piuttosto strana, con un ombelico che sembra di gomma. Inoltre non si capisce perché, visto che lei è scappata da Atlantide e vediamo subito gli uomini che ha mandato suo padre per riportarla a casa, una volta da lei sconfitti, li rivedremo riprovarci solo molto tempo dopo ovvero quando avrà avuto Arthur e il bambino sarà cresciuto. 

ARTHUT PARLA CON GLI SQUALI.

Il nostro piccolo Arthur va in gita all’acquario coi compagni di classe. La scena in cui i compagni lo bullizzano e lui comunica con lo squalo nell’acquario, ricorda la scena in cui Harry Potter parla per la prima volta con il serpente allo Zoo nella Pietra Filosofale.

Aquaman

COME HANNO RESO ARTHUR CURRY A.K.A. AQUAMAN

Arriviamo all’età adulta di Arthur e lui inizia a sciorinarci tutta quella che dovrebbe essere la sua simpatia con una battutina scioccherella dietro l’altra che forse vuole imitare l’ironia di Guardiani della Galassia o dei primi Avengers, ma proprio non ce la fa neanche lontanamente.

Non è per niente divertente, Momoa non ci da una prova convincente di attore. Ha due espressioni, quella con il broncetto serio e quella con il sorrisone a 32 denti. Si muove e si atteggia come un modello su un set fotografico, ogni scusa è buona per fargli togliere la maglia e lasciarlo a petto tatuato per far vedere la i pettorali e la regia abusa delle inquadrature che sottolineano che lo dobbiamo guardare con gli occhi di chi lo ritiene un Adone (che é vero ma dopo un pò tutta questa ostentazione stanca).

La sua posa preferita è mettersi di schiena al punto macchina, ruotare la testa e farci lo sguardo sexy prima di dire qualcosa di incredibilmente deludente. Lo hanno rappresentato come un incrocio tra lo stereotipo di un Harleysta e quello di un Wrestler e gli scontri a cazzottoni sulla terra ferma sembrano proprio le coreografie degli incontri di Wrestling.

Aquaman

AMBER HEARD, UN’ATLANTIDEA CON I TACCHI.

Sott’acqua parlano come se nulla fosse, l’unica cosa che ci fa capire che sono immersi è un audio disturbato dalla distorsione del suono, se parli sott’acqua e quindi emetti aria dall’interno del corpo, questo non si traduce in nemmeno una bollicina dal naso e della bocca.

Tra l’altro in secoli di evoluzione, questi Atlantidei sprofondati nel mare non hanno sviluppato nulla, né una branchia, né un accenno di piede palmato, niente. Sono normali esseri umani messi a mollo e anzi che indossano mute da sub o armature. Diciamo che, ci sta, niente piedi palmati, ma perché Amber Heard indossa i tacchi col costumino verde?

Peraltro quando viene narrata la storia di Atlantide,(quattro parole), si parla del fatto che si sono evoluti diventando ibridi con i pesci, ma a parte che parlano sott’acqua in cosa si sono evoluti? In linea di massima la storia di Atlantide è un po’ approssimativa: “Abbiamo scoperto il segreto dell’energia perpetua, ma siamo stati ambiziosi ed è saltato in aria tutto e siamo sprofondati sott’acqua”. Hanno sviluppato all’istate la capacità di respirare sott’acqua? Perché è saltato tutto per aria? Che vuol dire che siete diventati ambiziosi?

OCEAN MASTER?

Aquaman

Il povero Patrick Wilson è costretto a dire battute un po’ alla Guardiani della Galassia “Io sono Taser Face” e Rocket giù a ridere per ore. Purtroppo Wilson la dice sul serio e dice “Non chiamarmi Vostra’Altezza, chiamami OCEAN MASTER”.

Il personaggio di Wilson è uno dei villain più piatti della storia con cambi repentini di personalità in funzione dell’evoluzione della trama. All’inizio sembra anche abbia con un conflitto col fratellastro, ma infondo é ragionevole, poi da un momento all’altro diventa un pazzo irragionevole.

AD AQUAMAN PUZZANO LE ASCELLE.

Ad un certo punto Mera fa capire ad Arthur che puzza d’ascelle, lui se le annusa e poi fa una smorfia schifata. Questa cosa avviene sott’acqua. Con tutto lo sforzo di fantasia, mi state chiedendo davvero troppo.

BAYWATCH

Arthur e Mera escono dal mare ed è subito Baywatch. Parte un brano pop, e in rallenty loro due fuoriescono dalle onde come se stessero girando lo spot dell’ultimo profumo di D&G.

ARTHUR CURRY È APPENA USCITO DA GEORDIE SHORE.

Fuori dall’acqua ci troviamo improvvisamente ne La Mummia con Brendan Fraser, infatti il tenore del film diventa quello del film d’avventura anni ‘90.

Per la dinamica “insieme per forza” tra Mera e Arthur ricorda anche un po’ il Prince of Persia di Disney, con la differenza che Aquaman e la principessa, in coppia non funzionano. C’è un’alchimia forzatissima e non si riesce a capire cos’è che Mera trova interessante in lui e perché a lui dovrebbe piacere una come lei.

Lui non è un uomo rustico ma affascinante alla Harrison Fordo alla Jake Gyllenhaal, è un gretto bamboccione uscito dall’ultima stagione di Geordie Shore e lei sembra sua sorella maggiore.

Mera è l’unico personaggio che si salva, nonostante tutti i difetti, è un personaggio attivo e determinato, si salva sempre da sola e anzi capita anche che salvi lui e ha il piglio politico da governatore saggio.

LE PISTOLE AD ACQUA. 

Quando mostrano a Black Manta come funzionano le armi del regno del mare, c’è del disagio. Praticamente sono delle pistole ad acqua, sparata con quei fucili in particolare grazie a chissà quale misterioso tecnologia. Ma praticamente sono fucili ad acqua. 

LE SCENE AMBIENTATE IN ITALIA. 

La parte ambientata in Italia è davvero imbarazzante. C’è tutto lo stereotipo del paesino del sud in cui siamo rappresentati come un popolo di fruttivendoli che vendono ortaggi in piazza, mentre Mera si aggira tra le bancarelle pervasa da questa fittizia magia da fiction, ritrovandosi a lanciare una monetina in una fontanella qualunque, (in mancanza di Fontana di Trevi).

Trovatemi il senso della bambina, che senza nessun motivo apparente si avvicina di punto in bianco a Mera e le consegna il libro di Pinocchio.

INDIZI POCO CONVINCENTI

A livello di trama si traballa parecchio quando proprio come in un filmetto d’avventura, ci sono tutta una serie di indizi da risolvere, ma praticamente nemmeno te ne accorgi, perché lo fanno con una tale facilità e in tempi così brevi, che non capisco che senso ha avuto metterli di fronte a degli enigmi che Indiana Jones potrebbe ridere loro in faccia.

Per altro Arthur grazie alle sue uscite infelici, ci da più volte prova di essere un buzzurro, cresciuto da un guardiano del faro che indossa un berretto di lana blu in tutte le stagioni (neanche fosse il clichè di un vecchio lupo di mare), ma improvvisamente per risolvere uno degli enigmi, sciorina tutta la sua conoscenza della storia del mondo e alla giustamente mascella caduta di Mera, si giustifica dicendo “Mio padre voleva che studiassi storia”. Solo storia. Il resto é fuffa.

MERA CHE SUONA IL FLAUTO.

Ma il trash non dorme mai in questo film, durante una scazzottata con Arthur vediamo uno dei villan che finisce con la testa nel wc, Mera che manipola le forze dell’acqua per colpire i nemici, ma in mancanza di una fonte d’acqua in una cantina di vino, distrugge le bottiglie e crea una raffica di proiettili al vino per abbattere i nemici. Poi salva Arthur che ferito si risveglia su una barchetta con dei pezzi d’alga appiccicati addosso tipo cerotti. Si alza in cerca di Mera e la trova a poppa che sta suonando un flauto. Sta seduta tranquilla a poppa suonando un flauto su una barchetta rubata per fuggire. Ma perché?  (Avrà frequentato lo stesso corso del polpo che suona i tamburi)

BACI APPASSIONATI

Aquaman

Il meglio viene quando Mera e Arthur  si baciano, c’è questo carrello circolare che incornicia il momento mentre intorno a loro negli abissi impazza una violenta guerra tra razze de pesci eppure loro ignorano tutto e come dei fuochi d’artificio a immortalare il momento. Considerate che neanche cinque secondi prima lei aveva detto a lui tutta preoccupata “muoviamoci che c’è gente che sta morendo ogni secondo”, ma prendiamoceli questi due minuti di limonata dura.   

MAMMA, SEI TU?

Dopo vent’anni lui rincontra la madre falsamente uccisa. Sembrava quasi una fiction all’italiana: Zoom su lui, zoom su lei, poi di nuovo zoom su lui, poi ancora su lei, poi di nuovo zoom su lui, ancora su lei, (James Wan si è visto troppe puntate di Incantesimo prima di girare questa scena).

Atlanna la mamma di Arthur é stata per ben 20 anni su un’isola deserta sola come un’eremita e non è né impazzita né invecchiata di cinque minuti, le hanno solo fatto i capelli bianchi, che nel giro di due scene saranno di nuovo biondi.

Una scena, dopo 20 anni di isola deserta in solitudine Atlanna si manifesta con il capelli biondissimi e acconciati, le unghie smaltate e e l’abito da sera che anche volendo ma quando come e dove ha avuto il tempo e il modo di ripulirsi nel bel mezzo di una guerra e del fatto che tutti pensano che sia morta vent’anni prima.

Per non parlare di quando lei rincontra romanticamente il padre di Arthur. Atlanna meravigliosa, non è invecchiata di un secondo, lui è diventato un anziano e pelato. 

In Conclusione:

Della Dc, ho sempre avuto l’impressione che volessero creare un modo più dark di supereroi per prendere le distanze da Marvel, ma che la cosa per tutta una serie di fattori che sarebbe interessante analizzare, non abbia mai funzionato e mi sembra che si siano solo ritrovati a rincorrere Marvel senza mai avvicinarcisi neanche lontanamente ma imitandone grossolanamente la formula vincente.

Sono andata a vedere Aquaman dopo aver sentito varie voci di una sorprendente ripresa dell’universo DC e quindi piacevolmente incuriosita, ma mi sono ritrovata davanti a un film che se possibile mi ha deluso, nonostante fin’ora nel mondo abbia incassato 940 milioni di dollari di cui 6 milioni in Italia. Mi aspettavo anche di più da James Wan che avevo imparato ad amare in ambito horror, ma il questo cinecomic mi ha un po delusa.

Aquaman mi é piaciuto?

Il film tirando le somme é piacevole, se si entra nella sala senza troppe aspettative e senza porsi qualsiasi domanda scorre facilmente. Intrattiene senza mai annoiare. Diciamo che non muoio dalla voglia di comprare il dvd.


A voi avete visto Aquaman? vi é piaciuto? Scrivetemelo qui o scrivetemi sulla mia  pagina Facebook e alla prossima 🖖

Voi avete visto Aquaman? vi é piaciuto? Scrivetemelo qui sotto o sulla mia pagina facebook.  S volete leggere altre recensioni sui film cliccate qui: Recensioni film e Telefilm

Vi ricordo e che potete continuarmi a seguire su: Non Solo Cosmetici

Cosa ne pensate di questo nuovo spazio? ho fatto bene a dividere gli argomenti?

Mi trovate anche su twitter e su instagram.

🖖

Alla prossima

Pubblicato da nonsolomanga

Sono Claudia, sono una lettrice accanita sin dalla tenera età. Con il tempo ho ampliato l'amore per i libri a quello per i manga nonché anime. Ma sono anche una grande appassionata di film e telefilm e collezionista.

45 Risposte a “Parliamo di Aquaman (Recensione film)”

  1. Io ho avuto l’occasione di vedere Acquaman al cinema. È stato carino come film anche se la fantascienza ha regnato parecchio

  2. Ciao, io volevo andare a vederlo, in effetti, ma da come ne parli sembra proprio che non sia granché. ci penserò

  3. Avevo in programma di andare a vederlo nel prossimo fine settimana, ma dopo la tua recensione… mmmmhhhhh… non so! Ma si dai, andrò! Poi vediamo se mi ritroverò con il tuo parere!

  4. Anche io avevo sentito grandi cose di questo film ma ora mi hai un po’ abbassato le aspettative sai? Ahahaha! Recensione top e super dettagliata, ho apprezzato l’allarme spoiler così ho potuto saltare quella parte visto che non l’ho ancora visto! 🙂

  5. Aquaman lo vorrei andare a vedere perchè dal trailer mi ha incuriosita molto, ma non sei la prima persona che mi dice di non avere aspettative altissime, quindi finirà che lo vedrò in dvd appena disponibile o su Sky quando uscirà…

    Complimenti per l’attenta analisi dei vari aspetti che lo caratterizzano, nel bene e nel male.

  6. È più utile nei fumetti che nella versione film 😀 Mi ero dimenticata questa citazione, grazie per avermi rinfrescato la memoria 😉

  7. Ho sorriso leggendo le incongruenze e gli esiti inverosimili di alcune scene. Sono d’accordo con te che film come questi vadano visti senza porsi troppe domande.

  8. Ho visto anch’io Aquaman e devo dire che ho trovato il tuo resoconto davvero dettagliato e spassoso per certi versi. Diciamo che sono andata al cinema per il cast. Immaginavo la trama poco consistente e effetti speciali troppo esagerati. Diciamo che Aquaman, nel gruppo della Justice League, è stato un personaggio davvero inutile, reso figo solo da Jason Momoa, ragion per cui un sacco di gente sta affollando le sale. Ho trovato gli effetti speciali davvero esagerati e poco curati. Piacevole, ma non lo rivedrei. Tra l’altro, sti film stanno diventando troppo lunghi.

  9. La trama mi ispira tantissimo tanto che spero di riuscire ad andarlo a vedere e dopo il tuo articolo non vedo neanche l’ora! 🙂

  10. Io l’ho visto insieme a mia figlia. Ti dirò che mi ha tenuto ben sveglia e attenta per tutta la durata che, come ben sai, non è poca. Certo, i costumi sembrano un po’ Kitsch ma alla fine mi è piaciuto. Il ritmo ha vinto sul resto.

  11. I film DC non mi piacciono di base, ma ero curiosa di vedere sia questo che quello su Wonder Woman. La mia amica li ha amati entrambi, io sto ancora decidendo se guardarli o meno anche se dopo la tua recensione credo proprio che desisterò!

  12. A me questo genere di film non piacciono molto, ma ho degli amici che sono andati e ne hanno parlato bene, hanno detto che il film “ha un ritmo sostenuto”.. vedrò se andare a vederlo

  13. Una delle mie più grandi paure riguarda sempre gli effetti speciali. Temo che l’uso esagerato possa rovinare la credibilità dei film specialmente di questo tipo di film. Non sono certa che Aquaman sia riuscito a dosare bene in questo senso ma lo guarderò e ti farò sapere 😉

  14. Una recensione completa e sincera ma il film non fa per me , non è prorpio il mio genere, io sono per le commedie. Il guaio è che a mio marito piacciono molti questi film e mi toccherà accompagnarlo a vederlo. Almeno, con questo post, so che mi aspetta.

  15. Se Ariel avesse conosciuto il protagonista non avrebbe avuto tanta fretta e tanta voglia di uscire dal mare. Davvero un bel pezzo di tritone! Scusa l’infinita pochezza del mio commento 🙂

  16. Jason Momoa mi ha sempre affascinato come attore sin dai tempi di baywatch e del trono di spade. Bello e bravo, finalmente sembra che stia cominciando a ritagliarsi un ruolo a Hollywood. Speriamo però che non sia sempre e solo legato al mondo dei fumetti (che amo, sia chiaro!). Quindi penso di noleggiare il DVD di Aquaman per una serata all’insegna del divertimento e relax, senza troppo impegno.
    Maria Domenica

  17. Aquaman mi è scappato, all’epoca, quando avrò la giusta “voglia DC” magari lo recupererò, anche se il tuo scetticismo conferma un po’ dei miei dubbi 😀
    Non sono mai stato un grande fan della “tenebra forzata” dei film dell’universo DC, se non altro perché mi dà l’impressione di voler mungere fino alla fine le atmosfere dei film di Nolan, nonostante non si possa applicare a tutti i personaggi quella visione specifica del mondo di Batman.
    Ho preferito decisamente una pellicola più leggera come Shazam.

  18. Io purtroppo da fan/lettrice/collezionista/ che conosce bene determinate dinamiche soprattutto in ambito di cinecomics, ho storto non poco il naso, sia i film di marvel che dc non c’entrano una mazza con i fumetti, le storie sono state stravolte per amor di pubblico e per soldi, tra l’altro entrambi devono davvero ringraziare il cinema poichè stavano passando momenti davvero brutti, se alcune testate sono giunte fino a noi lo dobbiamo anche ad artisti, illustratori e sceneggiatori, che hanno avuto idee che hanno rimesso al mondo sia le storie di DC che di Marvel, le rispettive trasposizioni cinematografiche sono ben lontane dalle saghe dei fumetti, a cui io tengo tantissimo a me il film alla fine è piaciuto, l’ho visto senza aspettarmi chissà cosa anche pechè l’attore scelto con Acquaman dei fumetti non centra nulla, quindi solo partendo da questo puoi immaginare come io abbia guardato il film, detto questo sono d’accordo con la tua analisi, è un bel film ma non è Acquaman è n’altra roba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *