Crea sito

The Mist (La nebbia) Serie Tv Review

Oggi volevo parlarvi di una serie tv che ho finito di vedere da poco e che é tratta da un romanzo thriller di Stephen King: The Mist

The Mist (La nebbia) Serie Tv Review

Scheda The Mist:

  • Genere: Drammatico, Fantasy, Horror
  • Creatori e soggettisti: Christian Torpe
  • Attori: Alyssa Sutherland, Okezie Morro, Russell Posner, Isiah Whitlock Jr., Gus Birney, Danica Curcic, Bill Carr, Luke Cosgrove, Holly Deveaux, Nabeel El Khafif
  • Stagioni: 1
  • Episodi: 10
  • Durata episodio: 60 Min
  • Stato: Terminata
  • Prima messa in onda italiana: Trasmessa per la prima volta in Italia il 25 Agosto 2017 sulla piattaforma in streaming Netflix.
  • Streaming alternativo: Link

Trama The Mist:

La Nebbia è una serie tv statunitense di genere horror fantascientifico ideata da Christian Torpe e distribuita da Netflix. La serie è ambientata nella cittadina di Bridgeville, nel Maine, invasa ed avvolta da una misteriosa e fitta nebbia, della quale nessuno riesce a dare una spiegazione né determinarne l’origine.

Questo manto nebbioso non è solo inaspettato ed inusuale ma nasconde al suo interno delle presenze e delle forze oscure capaci di uccidere chiunque provi ad attraversare la nebbia. A fronte di tale scoperta sconvolgente, i membri sopravvissuti della comunità spaventati si rifugiano nei due più grandi edifici della città, il centro commerciale e la chiesa, dove emergono tutte le problematiche legate alla convivenza forzata.

La serie dunque mostra le reazioni e la convivenza di due gruppi di sopravvissuti che si pongono domande su cosa stia accadendo nella loro città, facendo prevalere da un lato la visione spirituale dell’accadimento che li porta a considerare la nebbia assassina come una punizione divina, dall’altro lato facendo prevalere la paura di una minaccia chimica quale conseguenza di un complotto dell’esercito. Si creano così nuove alleanze e al contempo nuove rivalità tra i vari gruppi di persone che tentano di sopravvivere alla nebbia omicida.”

Opinione Personale:

The mist di di King è già stato adattato da Frank Darabont nel 2007, noto sia per la sua atmosfera cupa che per i personaggi umani più terrificanti dei giganti mostri lovecraftiani che si nascondono nella nebbia. Ha combinato momenti di satira, orrore e commenti politici con facilità mantenendo le cose semplici e basate sui personaggi.

Il mistero della provenienza della nebbia non è mai stato il fattore importante, utilizzato come catalizzatore per esplorare ciò che accade a una piccola comunità quando viene spinta all’estremo da circostanze incontrollabili.

The Mist (La nebbia) Serie Tv Review

La serie televisiva offre la possibilità di esplorare ulteriormente questa premessa, dato più tempo per espandere la sua narrativa, il mistero di dove proviene la nebbia e come i personaggi affrontano la situazione. 

Ambientato a Bridgeville, nel Maine, con tutta una serie di nuovi personaggi, tra cui Morgan Spector nei panni di Kevin Copeland, Alyssa Sutherland nei panni di sua moglie Eve e la loro figlia Alex, interpretata da Gus Birney, che fungono da figure centrali nell’ensemble più grande. 

Tra gli altri ci sono Frances Conroy nei panni dell’ambientalista locale e fanatica della cospirazione Nathalie Raven, la drogata di Danica Curcic Mia e il soldato amnesico Bryan, interpretato da Okezie Morro. 

Sono in gran parte estranei al racconto originale di King (anche se tieni d’occhio una signora Carmody che fa un ironico cenno alla novella e alla spaventosa predicatrice del film).

The Mist (La nebbia) Serie Tv Review

Le versioni precedenti tenevano i personaggi confinati al supermercato ( tranne che per tentativi di fuga e missioni di foraggiamento) mentre qui, la serie divide il suo cast principale in tre gruppi: una vasta collezione di residenti al centro commerciale e due gruppi più piccoli alla stazione di polizia e al chiesa rispettivamente. 

Sono finiti anche i vari mostri che Thomas Jane e la banda hanno dovuto affrontare in favore di qualcosa di più personale e specifico per i singoli residenti della città. È un cambiamento efficace e capitalizza i temi stabiliti nel primo episodio di The Mist .

The Mist (La nebbia) Serie Tv Review
Ambientazione:

Bridgeville viene descritto come un luogo con scheletri negli armadi dappertutto. Lo showrunner Christian Torpe posiziona questa città come un microcosmo degli Stati Uniti più ampi, dove le ansie delle piccole città si nutrono di dibattiti politici e sociali in corso.

È un’idea intelligente e il cambiamento nel modo in cui la nebbia funziona bene tematicamente per questo. Sfortunatamente, c’è un vero elemento goffo nel modo in cui queste ansie sono incluse e non se ne va mai veramente con il progredire della serie.

Questioni di fede ed etica

Le questioni di fede ed etica sono gestite con tutta la sottigliezza, il merito deve andare a Conroy, il cui personaggio è rifugiato nella chiesa, per aver tenuto sotto controllo la maggior parte dei dibattiti. È al di sopra del resto del cast e costantemente affascinante anche quando dice cose assurde.

I personaggi secondari al centro commerciale, nomi a malapena dati o personalità distinguibili, si trasformano così velocemente in una folla inferocita in cerca di sangue che è come leggere una copia di  Lord Of The Flies  dove le pagine centrali sono tutte incollate insieme.

The Mist (La nebbia) Serie Tv Review
I personaggi principali

Iniziano a funzionare più come cifre di quelle ansie da piccola città piuttosto che sentirsi come persone reali in circostanze straordinarie. La cosa più problematica è che orribili stereotipi vengono alla ribalta quando lo spettacolo decide di aver bisogno di un cattivo. Spinge i personaggi a cambiare personalità per capriccio perché la storia ha bisogno che accada senza che siano state gettate basi precedenti.

Quando i personaggi sono costretti a uscire per affrontare la nebbia a testa alta, lo spettacolo fa un passo avanti. L’aspetto su misura della nebbia consente momenti acuti dei personaggi, più incisivi di qualsiasi scena ricca di dialoghi in cui sono stati coinvolti.

Ci sono piccole scene di ossessionante bellezza, come un filo di nebbia che si fa strada attraverso il buco della serratura. Le sequenze di morte sono cruente, inventive e spesso sorprendenti nei loro metodi, inclusa una sequenza di ispirazione biblica che è orribilmente sbalorditiva. Le motivazioni diventano più semplici, la direzione diventa più nitida e emerge un vero senso dell’atmosfera.

The Mist (La nebbia) Serie Tv Review

Poi, siamo di nuovo dentro e tutto si dissolve velocemente come la nebbia dietro una porta chiusa. È in questi momenti fin troppo brevi che emerge un vero senso di frustrazione. 

In Conclusione:

C’è un fantastico spettacolo dell’orrore qui, uno che, come il film, offre la possibilità che l’umanità sia tanto terribile quanto ciò che potrebbe essere in agguato nella nebbia. 

Che questi personaggi hanno più di alcuni segreti sporchi e la capacità di prendere decisioni squilibrate. Sfortunatamente, ciò che ci rimane è un concetto promettente e intrigante sprecato da una scrittura goffa e da un cast che non può trascenderlo.

Questo telefilm ha tanti punti positivi, ma come tanti altri telefilm e film prodotti prima e dopo di questo crolla davanti al romanzo.

Voi lo avete già visto? cosa ne pensate? Scrivetemelo qui sotto o sulla mia pagina facebook.

Se volete leggere la recensione di qualche film che ho visto: Film

Mi trovate anche su twitter e su instagram.

E sul mio primo blog: Non solo Cosmetici

Alla prossima 🖖

Pubblicato da nonsolomanga

Sono Claudia, sono una lettrice accanita sin dalla tenera età. Con il tempo ho ampliato l'amore per i libri a quello per i manga nonché anime. Ma sono anche una grande appassionata di film e telefilm e collezionista.

10 Risposte a “The Mist (La nebbia) Serie Tv Review”

  1. Io non ho visto il film o la serie TV e nemmeno letto il libro di King, che mi hai fatto scoprire tramite questa recensione! Mi hai fatto così incuriosire che credo andrò a leggermelo e, poi, magari vedrò anche la serie TV!

  2. Recensione scritta molto bene, ho visto la serie tv, mi trovo d’accordo con te, con il racconto di King non c’entra molto, ma sappiamo tutti molto bene che spesso queste sono mosse di marketing, per attirare più pubblico possibile, ho visto anche il film del 2007 più in linea con quella che è la visione dello scrittore riuscito meglio della serie tv senza dubbio. La serie nonostante molte pecche, non manca comunque di offrire anche una visione diversa, la scenografica fatta bene, nel complesso se non andiamo a sottolineare alcune mancanze, il risultato è comunque piacevole.

  3. Sono una grande appassionata di cinema, però questa serie televisiva non l’ho ancora vista. Ho visto però diversi film tratti dai libri di King e mi sono sempre piaciuti. Quindi provvederò il prima possibile a vederlo. Grazie per la tua recensione che come sempre è stata molto chiara e ben fatta.

  4. Io sto leggendo proprio in questo momento la raccolta da cui è stato tratto il racconto “Nebbia” e mi piace tantissimo. Ecco perché non vedo l’ora di vedere la serie.
    Maria Domenica

  5. Questa serie non l’avevo notata. Dopo questa recensione devo assolutamente vederla. Appena la finisco poi ti dico il mio pensiero. Grazie per il suggerimento 🙂

  6. Ad essere sincera ho come l’impressione che le molteplici storie prese dai libri di Stephen King rendano molto più in libro che in serie tv o film. Sì capita con tutti i libri, ma per la sottoscritta per questo scrittore maggiormente…

  7. Per un attimo avevo confuso questa serie con “The Rain”… In quanto ad originalità dei nomi caschiamo male!

    A me piace molto King, ho letto i suoi libri fin dall’adolescenza ma penso sia davvero difficile trasporre il suo genio su uno schermo… narrando una storia che dura un paio d’ore.

    Non credo siamo ancora pronti per valorizzare la sua genialità attraverso i film… Basta guardare come hanno presentato le due versioni di ” IT “.

    Purtroppo questa serie devo recuperarla quanto prima e non lasciarmi influenzare dai miei bias.
    Come al solito, ogni volta che visito il tuo sito mi sento a casa e i tuoi suggerimenti non mi deludono mai.

  8. Non avevo mai sentito di questa serie TV ma mi ha colpito moltissimo che è tratta da un libro di Stephen King che adoro quindi sì la cerco che la voglio vedere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *